Pesaro, la Gdf scopre merci contraffatte e lavoratori a nero

Pesaro la Gdf scopre merci contraffatte e lavoratori a nero. La sicurezza nella città di Pesaro è un fattore di primaria importanza. Ogni giorno la comunità si impegna a rispettare la pianificazione di attente e rigorose misure di prevenzione. Non sempre, però, queste vengono rispettate. Vediamo cosa è accaduto a Pesaro:

La Guardia di Finanza di Pesaro, a seguito di una serie di ispezioni, avrebbe riscontrato molteplici illeciti. Gli illeciti riguarderebbero diverse aree di sicurezza a partire dalla strada fino a sostanze stupefacenti. Ecco cosa hanno riscontrato gli agenti della guardia di Finanza di Pesaro:

Pesaro la Gdf scopre merci

Pesaro la Gdf scopre merci contraffatte e tanti lavoratori a nero: ecco quanto scoperto

La sicurezza è un fattore che deve essere garantito in qualsiasi città e Pesaro si impegna ogni giorno per far sì che sia così. Ecco cosa hanno rilevato gli agenti della Guardia di Finanza:

Stando alle prime ricostruzioni del caso, dall’inizio di questo mese di maggio, la Guardia di Finanza di Pesaro si sarebbe messa all’opera in maniera grandiosa. In particolare, avrebbe concentrato ed intensificato il proprio operato su tutto il territorio provinciale. Lo scopo sarebbe stato quello di prevenire e mettere un freno agli illeciti in ambito economico-finanziario. Tale operato avrebbe portato a dei risultati, specie nel fine settimana scorso, in cui sarebbero emerse irregolarità ed illeciti. Questi ultimi intaccherebbero fortemente la sicurezza, dal punto di vista economico.

I finanzieri avrebbero cominciato con delle ispezioni in 20 esercizi pubblici differenti, che porterebbe alla scoperta di 11 lavoratori in nero su 54 identificati. Oltre a ciò, pare che uno degli esercizi sottoposto ad ispezione, sia risultato completamente sconosciuto al fisco. L’ispezione pare che abbia riguardato anche tre nuove attività aperte da poco, da meno di sei mesi, per verificare che fossero in regola con gli obblighi tributari.

Stando a quanto rinvenuto, la Guardia di Finanza si sarebbe concentrate anche sull’emissione telematica di scontrini. I controlli, effettuati su 32 attività, avrebbero portato a scoprire 13 irregolarità. In contemporanea, avrebbero scoperto anche due casi di irregolarità su tre controlli riguardanti abbonamenti speciali RAI.

La Guardia di Finanza pare abbia operato anche sulla strada. 221 i veicoli controllati e 331 le persone sottoposte ad identificazione. Pare che siano stati effettuati sei verbali per violazioni del codice stradale. Inoltre, anche dodici controlli riguardanti le accise sulle autocisterne e sui distributori stradali. Durante tali controlli stradali, avrebbero sequestrato anche 60 grammi di marijuana e 14,30 grammi di hashish. Ciò avrebbe causato la denuncia di due individui. Infine, le ispezioni avrebbero portato al sequestro di 392 elementi di abbigliamento contraffatti e 185 prodotti casalinghi non dotati di etichettatura obbligatoria.