Ancona, furto cassette porta soldi al benzinaio: fidanzati accusati

Ancona, furto cassette porta soldi al benzinaio: accusati due fidanzati colti dalle telecamere di sicurezza. Come ben sappiamo, i furti sono dei reati che implicano l’appropriarsi di beni altrui senza avere il consenso dei proprietari. Esistono diverse tipologie di furti. Vediamo cosa è accaduto ad una pompa di benzina ad Osimo:

Secondo quanto descritto, un benzinaio sarebbe stato privato della sua cassettina porta soldi. All’interno di quest’ultima pare ci fossero circa 100 euro. Ad appropriarsene, una coppia composta da un uomo ed una donna ultra 50enni. La coppia sarebbe stata scoperta tramite le telecamere di sicurezza. Ecco quanto avvenuto ad Osimo (Ancona):

Ancona furto cassette porta soldi

Ancona, furto cassette porta soldi al benzinaio: ecco come si sono svolti i fatti

Stando alle prime ricostruzioni del caso, i due fidanzati si sarebbero recati presso la pompa di benzina per fare rifornimento di carburante. Una volta arrivati all’impianto della pompa di benzina, pare che abbiano rubato una cassetta portamonete del benzinaio. La cassetta pare fosse posizionata tra una colonnina di rifornimento e l’altra. La stazione di rifornimento in questione parrebbe essere quella Esso ad Osimo, in Via Ancona. I due si sarebbero recati sul posto verso le ore 11 del mattino, alla guida di una auto Lancia Musa.

In base a quanto rinvenuto, sembrerebbe che alla guida ci fosse l’uomo della coppia, di circa 54 anni, napoletano e residente a Castelfidardo. Sul lato passeggero, invece, pare ci fosse la compagna di circa 53 anni, originaria della Germania ma residente nella regione Campania. Pare che a bordo dell’automobile ci fosse anche la figlia della signora. Secondo quanto ricostruito, la coppia avrebbe dovuto fare rifornimento di gpl. Proprio in quel momento avrebbero notato questa scatola incustodita con all’interno delle monete, per un totale di circa 100 euro.

A prendere la scatola pare sia stato l’uomo mentre la donna, invece, avrebbe fatto da palo. Una volta rubata, sarebbero saliti in auto ed andati via. Il benzinaio, si sarebbe poi accorto della mancanza della cassettina. Per cui, sembra si sia messo a visionare le registrazioni delle telecamere di sicurezza risalendo così ai potenziali ladri. Il benzinaio avrebbe dunque poi sporto denuncia presso il comando dei Carabinieri. Pertanto, la coppia sarebbe finita sotto processo per furto davanti al giudice Pietro Renna. Il furto pare che risalga al 13 settembre 2020 ed il dibattito dovrebbe esserci il 12 luglio 2024. La coppia si dichiarerebbe innocente.