Pesaro, noto pasticciere morto nella vasca da bagno

Pesaro, noto pasticciere morto nella vasca da bagno di casa sua a seguito di un malore. I malori acuti sono episodi di malessere che possono manifestarsi all’improvviso. Questi potrebbero variare da lievi disturbi passeggeri fino a condizioni potenzialmente fatali. Tali eventi possono essere dovuti ad una serie di fattori, tra cui: cardiaci, neurologici, respiratori. Vediamo cosa è successo ad un noto pasticciere di Pesaro colpito da malore improvviso:

Un noto pasticciere della città di Pesaro sarebbe stato colpito da un malore improvviso. Ciò sarebbe avvenuto mentre si trovava nella vasca da bagno della sua dimora. Ad allertare i soccorsi pare siano stati i vicini dei piani sottostanti. Ecco quanto è successo al pasticciere 60enne:

Pesaro noto pasticciere morto

Pesaro, noto pasticciere morto nella vasca da bagno di casa: ecco i dettagli su quanto accaduto

I malori fisici sono imprevedibili quanto fatali. A volta non ci si aspetterebbe mai il peggio. Vediamo cosa è successo ad un noto pasticciere della città di Pesaro:

Stando alle prime ricostruzioni del caso, il fatto sarebbe avvenuto giovedì 23 maggio 2024 in tarda serata. In un appartamento della zona di Baia Flaminia, un noto pasticciere del posto avrebbe perso la vita a seguito di un malore fisico. Si tratterebbe di Enrico Serafini, un uomo di 60 anni molto conosciuto nella città grazie al suo lavoro. Egli pare lavorasse nella pasticceria di famiglia, “Serafino” in via Cecchi, molto famosa nella città di Pesaro.

A quanto pare, l’uomo si sarebbe sentito male d’improvviso e non avrebbe avuto modo di poter chiedere soccorso. Il 60enne avrebbe aperto il rubinetto, poi si sarebbe sentito male. Pare che l’acqua sia strabordata dalla vasca in maniera continua. Quest’ultima avrebbe allagato il tutto, tanto da raggiungere le scale interne del palazzo e pare sia penetrata anche nei soffitti dei piani inferiori. Ciò pare abbia fatto allarmare i vicini che subito avrebbero richiesto l’intervento da parte dei Vigili del Fuoco.

Stando a quanto rinvenuto, pare che in un primo momento si sia pensato ad un guasto idraulico. Poi, ad una dimenticanza dell’uomo nel chiudere il rubinetto. Purtroppo, nulla di quanto ipotizzato. Infatti, la squadra dei Vigili del Fuoco avrebbe aperto la porta dell’appartamento del signor Serafini ed una volta andati in bagno avrebbe fatto la macabra scoperta. Dopo aver trovato l’uomo senza vita, sembra che sia stata allertata anche la squadra dei Carabinieri per effettuare tutti i rilievi del caso. A quanto pare sarebbe stata disposta anche l’autopsia per decretare le cause del decesso. Si sarebbe ipotizzato un collegamento al fatto che l’uomo soffrisse di diabete.