Pesaro, allarme truffe: vittima una donna affetta da disabilità

Pesaro, allarme truffe: vittima una donna con disabilità. Purtroppo, nella città di Pesaro ma in generale in tutta l’Italia, è allarme truffe. Ogni giorno si sentono esperienze differenti ed i truffatori ne inventano di ogni per fregare beni personali agli altri. Vediamo cosa è accaduto a Pesaro:

A Pesaro, negli ultimi giorni, si sarebbero verificati diversi episodi di truffe. Uno di questi avrebbe visto coinvolta una donna di 50 anni affetta da disabilità. Purtroppo, pare che i truffatori siano riusciti ad incastrarla. Ecco qualche dettaglio in più su quanto accaduto:

Pesaro allarme truffe

Pesaro, allarme truffe: ecco tutti i dettagli relativi al caso

Oggi martedì 11 giugno 2024, sembra che la Squadra Mobile abbia spedito in Questura due persone. Si tratterebbe di un uomo ed una donna, 23 entrambi e provenienti da Napoli, già pregiudicati penalmente. Il tutto sarebbe riconducibile alle truffe nei confronti di persone anziane.

A quanto sembra, i due sarebbero stati avvistati nel centro città all’interno di un’auto a noleggio. Quando fermati dalla Squadra Mobile, sembra che non abbiano dato valide motivazioni riguardo alla loro presenza. La ragazza, nello specifico, pare che sia stata arrestata nel dicembre 2023 per una truffa a degli anziani. Al termine di tutti i controlli, i due sarebbero stati minuti di un foglio di Via dal comune di Pesaro per un anno.

All’uomo, inoltre, pare sia stata ritirata la patente poiché durante il controllo sarebbe rinvenuto un certo quantitativo di sostanze stupefacenti. Un altro episodio sembra che riguardi una donna anziana. La signora pare abbia ricevuto una chiamata da un ragazzo che si fingeva carabinieri il quale le avrebbe detto che il figlio avesse investito una donna in un incidente. L’intento sembrerebbe esser stato quello di estorcere denaro alla donna.

Un altro caso, invece, riguarderebbe una donna 50enne affetta da disabilità, residente a Pesaro. Pare che la donna sia stata contattata da operatori della sua banca che la avrebbero invitata a trasferire soldi dal conto corrente ad una carta prepagata intestata alla banca. La signora sembra si sia allarmata e che abbia immediatamente trasferito circa 2000 euro sulla prepagata.

Sembra che dopo abbia chiamato la banca e che l’operatore le abbia confermato di aver ricevuto la richiesta del prelievo. Ma che, d’altro canto, nessun operatore della banca sarebbe responsabile di tale operazione. Dunque, le avrebbe confermato di esser stata vittima di una truffa.