Ecco cosa succede se usi la cenere come concime per pomodori

L’ortaggio italiano, mediterraneo ed in generale uno dei più comuni è sicuramente il pomodoro pur non essendo “nato” nel vecchio continente, viene considerato parte di esso dal punto di vista culturale seppur erroreamente: non esisteva in Europa prima del 1500 e da tempo si è diffuso in tutto il mondo grazie ad una notevole selezione e diversità di una pianta tra le più importanti dal punto di vista dell’approvvigionamento. Il pomodoro presenta numerosi tipi di concime per una crescita importante e la cenere è indubbiamente una di queste ma come va impiegata e quali sono gli effetti? Come impiegare la cenere concime per pomodori?

Ortaggio naturalmente legato a temperature mediamente calde, il pomodoro è relativamente facile da coltivare ma non così semplice da “gestire”.

La cenere è una forma di concime adatta a questo famoso ortaggio? Scopriamolo insieme.

Cenere come concime per i pomodori: ecco cosa succede

cenere-come-concime-per-pomodori

I più esperti coltivatori sono indubbiamente consci di diversi trucchi nell’ambito di sviluppo e crescita del pomodoro che è strutturato come un frutto pur essendo oramai considerato ortaggio, dalla notevole acidità ma anche dalla grande capacità nutrizionale.

Importantissima è oltre alla semina ed alla prima crescita, l’ambito di concimazione essendo una pianta che ha bisogno di una notevole quantità di elementi come azoto, fosforo e potassio. In particolare l’azoto risulta essere importante sia per la crescita quanto per la difesa naturale della pianta, e per sviluppare una certa prolificità.

L’azoto si trova anche in vari concimi biodegradabili e naturali, come ad esempio nei fondi di caffè. La cenere è anche questa molto ricca di azoto ma anche di altri sali minerali e si rivela effettivamente utile per migliorare la fertilità del terreno ma ha anche una funzione di deterrente naturale di alcuni parassiti come ad esempio le lumache.

E’ una buona idea conferire un bicchiere di cenere per ogni 5-6 metri quadri, ed è una buona idea iniziare ad applicarlo già prima della semina ma anche nei mesi successivi, generalmente direttamente sul terreno poco prima di essere zappettato e poi intorno alle piante per garantire una buona protezione dai parassiti come accenato poc’anzi.

Il pomodoro dovrebbe essere concimato almeno una volta ogni 2 mesi, magari alternando il tipo di concime con quelli organici fino a quelli liquidi concepiti artificialmente: i risultati migliori sono possibili poco dopo aver irrigato ampiamente il terreno. La cenere viene utilizzata non solo per le piante di pomodoro ma anche per molte altre coltivazioni, quasi sempre per migliorare la produttività frutticola delle piante.

POTREBBE INTERESSARTI