Ancona, donna scappa in convento: denuncia violenze subìte

Ancona, donna scappa in convento: denuncia violenze subìte. Molto spesso l’abuso di alcool può generare delle situazioni poco gradevoli. Tante volte, queste ultime, sfociano in violenze verbali e fisiche. Vediamo cosa è accaduto a Fabriano:

A Fabriano, in provincia di Ancona, una donna avrebbe denunciato il marito dopo aver subito più di 5 anni di violenze fisiche e verbali. L’uomo pare sia stato arrestato con una condanna a 4 anni di carcere ed un risarcimento di 12 mila euro. Ecco tutte le informazioni relative all’accaduto:

Ancona donna scappa in convento

Ancona, donna scappa in convento: ecco tutti i dettagli relativi al caso

Stando alle prime ricostruzioni del caso, lo scenario del fatto sarebbe la città di Fabriano, in provincia di Ancona. La donna avrebbe trascorso cinque anni infernali tra le mura domestiche ogni qualvolta il marito alzasse un po’ di più il gomito.

Giorno dopo giorno l’avrebbe ricoperta di insulti, ricatti e minacce di morte. Tutto ciò avrebbe spinto la donna, una 28enne originaria della Tunisia, a scappare in un convento di suore in modo da non farsi trovare. Ciò sarebbe avvenuto dopo esser stata aggredita anche fisicamente.

L’uomo, un tunisino di 40 anni, pare che abbia aggredito sua moglie anche in presenza dei loro due figli piccoli. A quanto sembra, i piccoli avrebbero pregato più volte il padre di smetterla. La perdita di controllo da parte dell’uomo sarebbe riconducibile ad un abuso di alcool che egli, pare, facesse ogni sera prima di rincasare.

La 28enne pare che sia finita all’interno di una casa rifugio, che a sua volta, sarebbe stata contattata dall’uomo più di 40 volte per farsi comunicare dove la moglie fosse. Questo ulteriore gesto gli avrebbe fatto ricevere, a fine mese scorso, una condanna di 6 mesi per interruzione di pubblico servizio.

Durante la giornata di ieri, avrebbe ricevuto un’altra condanna: maltrattamenti aggravati in famiglia. Inoltre, il collegio penale sembra che abbia emanato per l’imputato una condanna a 4 anni di reclusione. Ma non solo, il 40enne pare debba fornire anche un risarcimento pari a 12 mila euro.

Prima di ottenere tali risultati, sembra che la 28enne lo abbia denunciato ben due volte, di cui la prima risalente al 2016. I due pare si fossero sposati nel 2015 in Tunisia e che poi la ragazza abbia raggiunto Fabriano a causa del lavoro del marito. In tutto ciò, pare che lei non avesse minimamente idea della dipendenza alcolica dell’uomo.

POTREBBE INTERESSARTI