Pesaro, coppia accusata di revenge porn: ricatto con video hard

Pesaro, coppia accusata di revenge porn: ricatto con video hard. Alle truffe non c’è mai termine ed ogni giorno, chi le compie, inventa nuovi stratagemmi. Tutto questo va sempre a colpire i più deboli e le loro famiglie. Di truffe ce ne sono di tanti tipi e con modus operanti differenti. Quel che è certo, è che sono tutte mirate ad un solo obiettivo: privare il prossimo dei suoi beni e del suo denaro. Vediamo cosa è accaduto ad un 67enne di Pesaro:

A Pesaro, un 67enne, pare che sia stato tratto in un brutto inganno. Pare che abbia incontrato una donna che gli avrebbe offerto un rapporto sessuale. Quest’ultimo, però, sarebbe stato filmato dal compagno della donna. Il fine ultime sarebbe stato, appunto, farsi dare periodicamente dei soldi dal 67enne per evitare che il video iniziasse a circolare. Ecco tutti i dettagli relativi alla vicenda:

Pesaro coppia accusata di revenge

Pesaro, coppia accusata di revenge porn: di seguito tutti i dettagli sull’accaduto

Stando alle prime ricostruzioni del caso, la Squadra Mobile della città di Pesaro avrebbe avuto a che fare con un caso a sfondo sessuale. In particolare, si parlerebbe di una denuncia riguardo ad un ricatto a sfondo sessuale, appunto.

In base alle informazioni rinvenute, pare che un uomo di circa 67 anni, sia stato tratto in inganno da una donna all’interno di un supermercato. Stesso all’interno dell’esercizio commerciale, il 67enne sembra che sia stato ricattato per evitare che un video pregiudizievole venisse diffuso.

A quanto pare, la vicenda sarebbe iniziata da un semplice tra l’uomo in questione ed una donna. Quest’ultima, poi, lo avrebbe convinto a prender parte ad un incontro a scopo sessuale. Senza esserne a conoscenza, il rapporto pare sia stato ripreso dal fidanzato della donna. Il fine sarebbe stato, appunto, quello di ricattare l’uomo.

Di seguito, il fidanzato di lei avrebbe iniziato a ricattare l’uomo di inoltrare il video ai suoi familiari. Dietro tale ricatto, il 67enne pare che, dunque, sia stato costretto ad effettuare dei versamenti monetari in loro favore per evitare il peggio. La situazione, però, sarebbe diventata insopportabile ed il signore si sarebbe rivolto alle autorità competenti.

Pertanto, la Squadra Mobile di Pesaro avrebbe dato inizio ad un’indagine più approfondita sul caso. Tramite essa, sarebbero riusciti a racimolare prove sufficienti per incastrare la coppia. Pare sia stata organizzata un’operazione mirata a cogliere i due in flagrante del loro reato. Infatti, durante l’ennesimo “pagamento” da parte del 67enne in loro favore, i due sarebbero stati arrestati.

POTREBBE INTERESSARTI