Ancona, stabilimenti balneari danneggiati nella notte: individuati

Ancona, stabilimenti balneari danneggiati nella notte: individuati. Le spiagge nella provincia di Ancona offrono un’eccellente qualità dei loro servizi. In particolar modo, a Falconara Marittima, il lungomare è ricco di servizi diversificati adatti ad ogni esigenza. Nelle ultime ore, le spiagge del posto sono stata prese di mira. Vediamo cosa è accaduto a Falconara Marittima:

A Falconara Marittima, in provincia di Ancona, pare che diversi stabilimenti balneari siano stati presi di mira e danneggiati da un gruppo di ragazzi. Sarebbero in corso le indagini per le identificazioni dei componenti del gesto. Pare che debbano anche risarcire, per via economica, i proprietari di tutti gli chalet preso sotto attacco. Ecco tutte le informazioni inerenti al caso:

Ancona stabilimenti balneari danneggiati

Ancona, stabilimenti balneari danneggiati nella notte: individuati i colpevoli del gesto

Stando alle prime ricostruzioni del caso, sembra che un gruppo di adolescenti sia stato colto in flagrante. Nella notte tra giovedì e venerdì, pare che i ragazzi abbiano preso di mira determinati stabilimenti balneari nel falconarese.

A quanto sembra, il loro gesto avrebbe provocato dei seri danni agli stabilimenti della città di Falconara Marittima. In queste ore, l’assessore al Turismo, pare si sia esposto sulla questione. Egli avrebbe detto che l’intervento da parte dei carabinieri sia stato tempestivo al fine di evitare episodi simili e danni più gravi.

In base alle informazioni rinvenute, pare che la squadra della Tenenza di Falconara sia all’opera con le indagini, in modo da identificare tutti i responsabili. L’assessore al Turismo, ancora una volta, avrebbe ringraziato i Carabinieri per la loro tempestività nel gestire il caso.

Inoltre, li avrebbe ringraziati anche per la costante presenza mostrata sul territorio cittadini. Facendo riferimento anche alla Polizia Locale e le altre forze dell’ordine, pare abbia sottolineato l’impegno per la tutela della sicurezza pubblica. All’interno di quest’ultima, ovviamente, ci sarebbe anche quella riguardante le strutture turistiche.

Il continuo controllo sul territorio fatto dalle forze dell’ordine, assieme alla collaborazione degli operatori e dei meccanismi di videosorveglianza, si starebbe mostrando efficace. Pertanto, pare si faccia riferimento su questi tre elementi per effettuare l’identificazione dei responsabili del gesto.

Una volta identificati, sembra che i responsabili saranno obbligati a risarcire economicamente i proprietari degli stabilimenti. L’assessore avrebbe anche detto che uno dei loro obiettivi primari è tutelare tutte le attività economiche al fine di godere delle spiagge in maniera tranquilla.

POTREBBE INTERESSARTI