Attenzione a lavare i pannelli fotovoltaici: ecco cosa può accadere

Il pannello fotovoltaico identifica molto probabilmente uno degli strumenti maggiormente in auge già da diversi decenni in varie realtà, in vista del concetto sempre più necessario ed attuale delle fonti di energia rinnovabili, in quanto la loro funzione è quella di convertire l’energia solare in risorsa utilizzabile. I pannelli fotovoltaici sono però costituiti da una struttura molto particolare, estremamente riflettente, generalmente formata da cristalli o metalli molto specifici come l’argento. Lavare i pannelli fotovoltaici è una buona idea, ma bisogna assolutamente farlo nel modo giusto.

La pulizia è comunque necessaria per allungare la vita del sistema fotovoltaico, i pannelli per loro stessa ovvia funzione devono presentare meno asperità ed ostacoli possibili.

Quali sono le cose da fare e soprattutto le cose da non fare assolutamente per la loro detergenza?

Come pulire i pannelli fotovoltaici nel modo giusto: ecco cosa non fare

Per quanto sempre più economici rispetto al passato e diversificati nella loro effettiva gestione, i pannelli solari restano elementi assolutamente importanti e gestibili solo con una cura estremamente definita. La loro gestione approssimativa può infatti facilmente ridurre l’efficienza e portare anche una gestione successiva più difficoltosa.

Essendo elementi che necessitano dell’esposizione continua alla luce i pannelli vanno periodicamente controllati e gestiti nel modo effettivo osservandoli e provvedendo alla rimozione periodica di oggetti di ogni tipo che inevitabilmente possono cadere sulle strutture dalle feci degli uccelli alle foglie secche.

È sempre meglio evitare l’impiego di detersivi attendendosi a ciò che consiglia il produttore, per cui sola acqua e non quella di rubinetto che è generalmente molto carica di elementi che possono opacizzare i pannelli e renderli meno utili.

Acqua assolutamente addolcita, come quella estremamente distillata si rivela indicata anche per una manutenzione ordinaria che non deve essere sottovalutata, così come è una buona idea non camminare direttamente sui pannelli.

Si tratta di una tecnologia estremamente delicata che fa quindi obbligatoriamente trattata con metodi molto particolari.

POTREBBE INTERESSARTI