Piantare carote è semplice? Ecco la verità

La carota è un vero evergreen delle nostre tavole, dove viene utilizzata soprattutto come condimento e come ortaggio, categoria che vede la sua presenza in ogni nazione. La coltivazione di carote è iniziata diversi millenni or sono, anche se quelle caratteristiche di colore arancione acceso rappresentano una selezione molto più recente. Ma piantare le carote è qualcosa di “fattibile” anche nel nostro giardino?

La risposta è si, anche se è una pianta che pur nella sua apparente semplicità e duttità, richiede cure abbastanza specifiche.

Come piantare le carote nel nostro giardino o anche nel nostro orto?

Come piantare le carote in giardino in pochi passi: guida

piantare carote

La carota fa partedi un gruppo di piante che sono state domesticate oltre cinquemila anni fa, in quello che oggi viene identificato come medio oriente. Com’è noto la parte edibile cresce sotto terra, ed è proprio attraverso una coltivazione specifica è possibile ottenere carote anche molto simili se non identiche a quelle che acqusitiamo presso il nostro supermercato.

E’ sempre meglio affidarsi ad un giardino o un piccolo orto in quanto queste piante non privilegiano particolarmente i terreni molto stretti ed hanno bisogno invece di spazio. Così come non amano essere trapiantate, questo pregiudica di molto la loro crescita e resistenza.

Prima di seminare (i semi sono facilmente reperibili presso tutti i contesti di giardinaggio, e costano poco, anche online) è importantissimo preparare il terreno giusto, avendo cura di farlo almeno qualche giorno prima: il terriccio deve essere zappettato e poi rastrellato con energia al fine di ottenere una composizione meno compatta possibile.

Le carote per crescere sane hanno bisogno di un terreno quanto più possibile drenante, ed umido. Meglio piantarle dalla primavera fino all’inizio dell’estate, evitando di farlo con la stagione troppo afosa e con l’arrivo dell’inverno.

Il concime non deve essere troppo ricco di sali minerali, quasi sempre va benissimo il compost standard evitando invece il letame animale.

Per aiutare la germinazione dobbiamo mischiare alla posizione dei semi (da interrare al massimo a 1,5 cm di profondità) un po’ di sabbia così da favorire la crescita. Il terreno fin da prima della semina deve essere ben inumidito anche a vari centimetri di profondità, però da pochi giorni dopo dalla semina il terreno va tenuto solo leggermente umido e mai zuppo.

Importantissimo lasciare almeno una decina di centimetri tra una pianta e l’altra ed almeno 25 centimetri tra le file (opzione consigliata invece di metterle in ordine sparso). La carota va estratta a circa due mesi dalla semina (dipende però dalla varietà) quando il ciuffo esterno à sufficientemente cresciuto ed appare robusto. Per farlo bisogna agire sulla radice ed è quindi una buona idea aggiungere acqua alla zona circostante alcune ore prima così da facilitare l’operazione.

POTREBBE INTERESSARTI