Presenta certificato fasullo all’asilo della figlia: mamma a processo

Presenta certificato fasullo all’asilo della figlia: mamma a processo. Creare e fornire attestazioni fasulle è un atto perseguibile penalmente. Specie quando si tratta di salute e di bambini, è necessario che le cose vengano fatte per bene. Vediamo cosa è accaduto ad Osimo:

Ad Osimo, una madre avrebbe presentato all’asilo della figlia un certificato modificato, e dunque fasullo, con l’intento di far tornare il prima possibile la bambina a scuola. Le maestre avrebbero denunciato la donna. Ecco tutti i dettagli relativi all’accaduto:

Presenta certificato fasullo all'asilo

Presenta certificato fasullo all’asilo: ecco tutti i dettagli sull’accaduto

Secondo le prime ricostruzioni del caso, sembra che la vicenda sia avvenuta nella città di Osimo. Una mamma di circa 28 anni avrebbe modificato un certificato medico vecchio per far riammettere la figlia a scuola il prima possibile.

Sembra che la donna abbia agito facendo una fotocopia del vecchio certificato. Quest’ultimo sarebbe stato rilasciato un anno prima dalla pediatra della piccola. Successivamente, grazie all’utilizzo del bianchetto, avrebbe modificato la data sul certificato. In questo modo la figlia sarebbe stata riammessa a scuola.

In base alle informazioni rinvenute, le maestre si sarebbero accorte prontamente che ci fosse qualcosa di strano. Pertanto, dopo aver eseguito una serie di verifiche, avrebbero denunciato la giovane mamma. Pare che la bambina avesse avuto l’influenza ma, senza un certificato valido, non sarebbe stato possibile certificarne la guarigione.

Stando alle prime ricostruzioni sull’accaduto, sembra che la donna, per far risultare che la figlia fosse guarita, abbia modificato il vecchio certificato medico. Dopo aver usato il bianchetto, avrebbe modificato il giorno del rilascio.

A quanto sembra, il certificato originale pare riportasse la data del 7 dicembre 2021. La 28enne avrebbe modificato tale data sostituendola con quella dell’11 marzo 2022. Dopo aver fatto ciò, avrebbe consegnato il certificato nelle mani di una delle insegnanti.

Su di esso, sembra fosse riportata anche la firma della pediatra, con tanto di dicitura: <<esente dalla malattia contagiosa e diffusiva>>. Chiaramente, quest’ultima farebbe riferimento sempre alla guarigione avvenuta nel dicembre del 2021.

Pare che in quel periodo la giovane abbia cambiato medico e che avesse fretta di far tornare la bambina a scuola. Per tale gesto, però, sembrerebbe che la donna sia finita sotto processo con l’accusa di uso di atto falso. La giovane mamma, di origini albanesi, dovrebbe presentarsi davanti al giudice il 26 novembre di quest’anno.

POTREBBE INTERESSARTI