Come pulire l’acciaio inox senza graffiarlo: ecco il metodo senza fatica

I metalli più resistenti sono senza dubbio quelli più diffusi, quasi sempre si tratta di strutture di elementi chimici come l’acciaio che non esistono in natura ma che fin dall’antichità sono stati concepiti attraverso la metallurgia attraverso più leghe unite. L’acciaio inox, ossia la versione più resistente all’ossidazione ed allo sviluppo della ruggine è in generale uno dei metalli più diffusi in senso assoluto, dalle posate ad interi monumenti. Tuttavia anche se molto resistente anche l’acciaio inox ha dei “nemici” a partire da una non corretta, ed è quindi importante anche imparare a capire come pulire l’acciaio inox senza graffiarlo o rovinarlo.

Esistono naturalmente prodotti specifici, sviluppati in maniera definita per la pulizia dell’acciaio inox.

E’ possibile però ottenere eccellenti risultati anche semplicemente seguendo alcune regole e consigli oltre che un po’ di buonsenso.

Ecco come pulire correttamente l’acciaio inox senza danneggiarlo

come pulire acciaio inox

La terminologia inox si applica ad una generale tipologia di acciaio che presenta una altissima se non assoluta resistenza all’ossidazione, generalmente alla composizione viene aggiunta una percentuale varia di cromo. Estremamente duttile, ma anche molto resistente, è anche considerato un materiale sostenibile in quanto oggi le tecnologie permettono di riciclarlo al 100 %.

Conosciuto come inox soprattutto in Europa, spesso può essere riconsciuto anche da diciture differenti come Stainless Steel. Come pulirlo e lucidarlo senza graffiarlo?

L’acciaio inox è un materiale resistente ma va assolutamente tenuto lontano da prodotti estremamente abrasivi oppure eccessivamente acidi, così come la candeggina o l’ammoniaca soprattutto se utilizzati “puri” tendono ad opacizzare e far perdere la tipica lucentezza della lega di metallo.

Per la manutenzione tradizionale conviene impiegare prodotti specifici o anche riscontrabili in casa, come ad esempio il sapone per piatti, questo va possibilmente diluito almeno in metà composizione di acqua calda (non bollente). Per applicare la soluzione è importante optare per una spugna non troppo abrasiva oppure un panno in microfibra, evitando le “pagliette” di metallo.

Se è presente dello sporco ostinato, possiamo rivolgerci al bicarbonato di sodio che non provoca alcun tipo di effetto negativo sull’acciaio inox, la soluzione migliore è miscelare tre parti di bicarbonato in polvere con una di acqua calda, miscelando con cura ed attenzione è possibile poi sviluppare una forma di “pasta” da tenere per alcuni minuti in azione direttamente sull’area maggiormente sporca.

Dopodichè possiamo agire con una spugna appena inumidita, morbida sulla superficie in acciaio che ha una grande capacità pulente ma anche non aggressiva.

POTREBBE INTERESSARTI