Gang di ragazzini seminano panico in centro: due arresti

Gang di ragazzini seminano panico in centro: due arresti. Le gang composte da tutti ragazzini giovani possono generare più danni di quel che si possa pensare. Queste farebbero leva sul numero di persone di cui sono composte, picchiando e derubando le persone. Vediamo cosa è accaduto a Jesi:

A Jesi un gruppo di ragazzini avrebbe agito più volte picchiando e minacciando una serie di vittime con il solo intento di derubarle dei loro beni. Alcuni dei componenti di queste gang sarebbero finiti in galera. Ecco tutti i dettagli relativi al caso:

Gang di ragazzini seminano panico

Gang di ragazzini seminano panico in centro: ecco tutti i dettagli del caso

Stando alle prime ricostruzioni del caso, sembra che i fatti siano avvenuti nella città di Jesi. La comunità avrebbe iniziato a temere per la sua sicurezza a causa di una banda di giovani rapinatori. Quest’ultima sembra che nell’ultimo periodo abbia messo in atto una serie di rapine e tentate rapine.

Le rapine in questione sarebbero state caratterizzate anche da pestaggi violenti che, chiaramente, avrebbero causato alle vittime delle lesioni sul piano personale. Ma non solo, il tutto sarebbe stato aggravato anche da aggressioni e percosse lanciate senza motivo.

In base alle prime informazioni rinvenute, i gruppi in questione sarebbero composti da ragazzini spregiudicati. Questi ultimi si riunirebbero con l’intento di derubare le vittime del loro denaro e degli oggetti con un certo valore. A quanto sembra, nel centro città si sarebbero verificati più episodi, di cui tre recentemente denunciati ai Carabinieri.

Pare che i gruppi agiscano sempre nella stessa maniera. Inizialmente, si avvarrebbe della quantità di persone di cui sarebbe composto. Poi accerchierebbe la vittima, la minaccerebbe fino poi a passare alle mani con pestaggi. In questo modo il gruppo costringerebbe la vittima a cedere i propri beni materiali.

I Carabinieri di Jesi avrebbero dunque dato inizio ad una serie di indagini in merito. Grazie ad esse pare che siano riusciti ad individuare più responsabili: tutti ragazzini appena diciottenni ed anche un minorenne. Sembra che i due maggiorenni abbiano ricevuto una misura cautelare in carcere.

I militari pare abbiano provveduto ad accompagnare i due ragazzi maggiorenni presso il carcere di Montacuto. Per il minorenne, invece, il G.I.P. avrebbe optato per il collocamento in una comunità educativa. Tutti pare siano stati denunciati per tentata rapina aggravata in corso.

I due episodi più recenti avrebbero generato danni a carico di tutti ragazzi per lo più ventenni. Oltre che rapinandoli, le gang avrebbero agito, come da copione, minacciando e picchiando le vittime.

POTREBBE INTERESSARTI