Come pulire le monete: ecco il metodo per non perdere il valore

Pulire le monete è un’operazione che ogni collezionista ed appassionato di conio deve prendere in considerazione soprattutto quando viene trovato un esemplare particolarmente raro, viene naturale ristabilire il suo antico splendore. Ma pulire nel modo giusto una moneta non è così scontato, anzi sbagliare può portare a rovinare in modo irreparabile la moneta.

Quali sono i giusti metodi per pulire le proprie monete? Ecco una guida facile da consultare.

Sai come pulire le monete? Fai attenzione a questi errori comuni

come pulire le monete

Le monete sono costituite sempre in qualche lega di metallo, questa viene scelta dalla nazione di “sviluppo” e risulta essere qualcosa di fondamentale per una buona resistenza della moneta. Naturalmente i materiali più preziosi sono quelli più resistenti, per cui è bene comprendere immediatamente di cosa è fatta la moneta prima di provvedere ad una giusta pulizia.

In realtà soprattutto se si tratta di esemplari antichi, le monete non vanno per forza lavate o pulite, anzi quasi sempre è meglio lasciare fare a mani esperte. Se non siamo sicuri del tipo di moneta, è meglio lucidare semplicemente l’esemplare e non provare ad azzardare, il rischio di rovinare per sempre una emissione è molto alto.

Ad esempio le leghe di alluminio si ossidano facilmente, quindi vanno trattate prima possibile con una soluzione formata da acqua e sapone di Marsiglia. Possiamo anche lasciarle per alcune ore nell’olio di vaselina così da sviluppare una forma di patina coprente protettiva.

Le monete di rame, che tendono naturalmente a sviluppare la tipica patina di color verde, che le rende molto caratteristiche a causa dell’ossidazione di questo metallo , può andare bene un composto costituito da acqua ed una piccolissima quantità di acetone oppure con un po’ di olio.

L’argento è più resistente ma può essere intaccato dal cosiddetto verderame, una forma di ossidazione specifica che coinvolge l’argento, in questo caso possiamo utilizzare un po’ di acqua ed ammoniaca ed un po’ di olio di gomito.

L’oro è molto più resistente, quindi non dobbiamo avere particolare paura nella pulizia delle monete costituite in questo raffinato metallo, va bene l’acqua saponata, ma anche prodotti specifici per l’oro realizzati appositamente.

In caso di monete antiche bisogna essere molto prudenti, spesso sono coniate attraverso processi diversi da quelli moderni ed è il caso di consultare un esperto di numismatica. Quasi sempre è meglio lasciare l’esemplare così com’è.

POTREBBE INTERESSARTI