Come pulire il computer: ecco i prodotti da utilizzare

Capire come pulire il nostro computer costituisce una delle operazioni più importanti quanto necessarie per garantire un utilizzo e prestazioni importanti, dal punto di vista effettivo infatti la polvere e la sporcizia possono arrecare tantissimi danni, in particolare durante le stagioni come l’estate.

Quali strumenti utilizzare per pulire correttamente il proprio computer? Proviamo a scoprirlo nelle prossime righe con la mini guida.

Come pulire correttamente il computer: ecco cosa utilizzare

come pulire il computer

Qualsiasi computer di cui possiamo disporre, che sia portatile o fisso, tende a presentare pressappoco la medesima composizione: elementi che sono inseriti in contesti fissi come la scheda madre, nella quale sono infilati tutti gli altri “pezzi” dal processore alle memorie RAM. Molti di questi presentano un dissipatore e spesso anche delle ventole, in quanto il tutto sviluppa calore.

La presenza di un ambiente polveroso ma anche di animali domestici aumenta la frequenza e la necessità di dover pulire periodicamente il nostro computer.

Naturalmente il computer fisso permette di pulirlo con più praticità ma con un po’ di abilità è possibile fare lo stesso anche con il portatile.

In linea di massima è sufficiente munirsi di alcuni strumenti principali come spazzole morbide di vario tipo (è utile anche uno spazzolino oramai vecchio non troppo duro) oltre ad una bomboletta spray di aria compressa. Per la pulizia dei componenti non va mai utilizzato in alcun modo alcun tipo di detergente liquido, ovviamente.

Prima di fare ogni operazione dobbiamo staccare la spina per ovvie ragioni di sicurezza: nel caso di un computer fisso anche se non siamo particolarmente bravi, è sufficiente per una pulizia “superficiale” , di routine (almeno una volta ogni 2-3 mesi) rimuovere i pannelli laterali e spostare il computer in un’area ventilata.

Dopodichè con l’aria compressa dovremo fare “piazza pulita” della polvere superficiale in particolare nelle ventole e nei confronti dei dissipatori, dove la sporcizia tende ad accumularsi naturalmente di più. Dopo aver fatto questo se siamo in grado (è meglio consultare un esperto o una guida dedicata) possiamo rimuovere i singoli componenti ed utilizzare i pennelli di varie dimensioni per una pulizia più approfondita, reinserendoli poi al loro posto subito dopo.

La procedura di routine deve concentrarsi proprio su ventole e dissipatori soprattutto in vista dell’estate: la polvere inevitabilmente ostruisce le zone di areazione e porta il computer a non riuscire a dissipare a dovere il calore, portando prestazioni minori ed una potenziale fonte di rischio di surriscaldamento.

Per la pulizia dello schermo è sufficiente impiegare acqua distillata ed un panno in microfibra.

POTREBBE INTERESSARTI