Real Montecchio, quale fine?

Real Montecchio-Fossombrone

Giacomi, classe '94, gioiellino del vivaio montecchiese. (foto Giardini)

MONTECCHIO – Il giorno è arrivato. Questo sabato il Real, o per meglio dire quello che ne resta dopo le dipartite di Manzo, Pentucci, Ruggeri, Magi e forse Badioli, chiarirà la propria posizione. Ovvero: di che morte morirà. Deciderà di continuare comunque il campionato, fino alla fine, con la Juniores integrata da qualche volenteroso reduce, sorbendosi ogni trasferta con auto private, ma salvaguardando il titolo sportivo, i ragazzi del settore giovanile (che si svincolerebbero a costo zero) e gli introiti dell’affare Marongiu (passato dal Real, grazie al lavoro di mister Tresoldi, all’Albinoleffe in Serie B) oppure deciderà di ritirare prima squadra, Juniores e Allievi dai rispettivi campionati? In settimana il sindaco Guido Formica ha bussato alla porta di numerosi imprenditori ricevendo, fino ad ora, la stessa risposta: nulla da fare. Questo sabato, in mattinata, effettuerà un ultimo tentativo. Al Real, come noto, servirebbero 30 mila euro solo per coprire le spese di gestione (quindi senza contare i rimborsi ai giocatori) comprensive della seconda rata d’iscrizione, materiale sanitario e trasferte. Se domenica non si presenterà a Chiaravalle subirà la sconfitta a tavolino per 3-0, dopo 6 turni non giocati arriverebbe la cancellazione con perdita del titolo sportivo. Come finirà?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>