Colletta alimentare, a Pesaro raccolti 68.648 chili di cibo

PESARO – Si   è   conclusa   ieri   29   novembre   in   tarda   serata,   la18a   edizione   della   Giornata   Nazionale   della   Colletta   Alimentare   (GNCA).   In   ben   450   supermercati   nella   regione   Marche   e   142   nella   nostra   provincia   di   Pesaro   e   Urbino   (11.000   in   tutta   Italia),   la   Fondazione   Banco   Alimentare   Marche   Onlus   ha   coinvolto   oltre   5000   volontari   che   hanno   invitato   a   donare   alimenti   quali   pasta,   olio,   tonno,   pelati,   legumi,   alimenti   per   l’infanzia   e   altri   a   lunga   conservazione.                                                                       Ecco  i  risultati  della  raccolta:

Pesaro    Kg.  68.648                +2%  sul  2013

Marche  Kg.  257.249      +6%  sul  2013

Colletta Alimentare 2014

Colletta Alimentare 2014

Gli   alimenti   verranno   distribuiti   a   381   strutture   caritative   operanti   nel   nostro   territorio   regionale,   come   mense   per   i   poveri,   case   di   accoglienza,   comunità   terapeutiche,   banchi   di   solidarietà,   caritas,   ecc.,   che   aiutano   più   di   42.000   persone   bisognose.     Il   gesto   della   Colletta   è   realizzato   grazie   alla   corale   collaborazione   di   associazioni,   federazioni,   enti   pubblici   e   privati,   fondazioni   e   aziende:   la   Fondazione   Banco   Alimentare   Marche   Onlus   coglie   l’occasione   per   ricordare   e   ringraziare   vivamente   chi   quest’anno   per   la   prima   volta   ha   scelto   di   fare   il   volontario   nei   supermercati,   in   particolare,   un   numeroso   gruppo   di   soci   del   Rotary   Club   Pesaro   “Gioachino   Rossini”  e  un  gruppo  della  sezione  di  Pesaro  dell’Associazione  Italiana  Arbitri.     Preziosa   la   collaborazione   dell’Esercito   Italiano   con   il   28   RGT   Pavia   di   Pesaro,   che   si   è   attivato   per   una   raccolta   di   alimenti   interna,   per   i   volontari   e   i   mezzi   militari   messi   a   disposizione   per   il   trasporto   degli   alimenti;   le   Poste   Italiane,   L’ANA   (Associazione   Nazionale   Alpini),   la   Società   S.   Vincenzo   De   Paoli,   ACEMA   S.p.a.,   A.I.A.S   (Associazione   Italiana   Assistenza   Spastici),   Coop   I.R.S.   L’Aurora,   L’Imprevisto   Cooperativa   Sociale,   Michelini   Elettrodomestici,   Pascucci   Vivai,   T41a  Coopertiva  Sociale,  T41b  Società  Cooperativa  Sociale,  Zolfanelli  Impianti   S.r.l.,   che   hanno   dato   un   contributo   determinante   con     volontari   e     mezzi   di   trasporto.

esercito La   giornata   della   Colletta   è   l’occasione   per   fare   del   bene   e   per   stare   di   fronte   a   fatti   magari  piccoli,  ma  eccezionali:  come  i  pensionati  che  donano  tanto  pur  avendo  poco   e   quelli   che   magari   tornano   perché   pensano   di   non   aver   aver   dato   abbastanza;   la   Colletta   è   anche   il   carcerato   che   nel   giorno   di   permesso   fa   il   volontario   sotto   la   Fondazione Banco Alimentare Marche Onlus Via Barignani 30 _ 61121 Pesaro (PU) _ T e F +39 0721.32901 E segreteria@marche.bancoalimentare.it _ CF 92011430417 _ www.bancoalimentare.it  custodia   del   parroco   o   la   donna   in   difficoltà   che   riceve   gli   alimenti   e   vuole   ringraziare   indossando   la   pettorina   gialla;   la   Colletta   è   il   ragazzo   cieco   che   pur   di   partecipare  dà  una  mano  al  magazzino  di  Fano  portando  i  pacchi  a  braccetto  con  un   amico;   o   i   ragazzi   che,   finito   il   turno   al   loro   supermercato,   corrono   ad   impilare   le   centinaia  di  scatoloni  pieni  fino  a  notte  fonda;  Colletta  Alimentare  sono  i  dipendenti   di  un’azienda  che  si  prendono  a  cuore  un  supermercato  e  coprono  i  turni;  la  Colletta   sono   tutti   gli   enti   che   donano   tempo,   mezzi   e   volontari,   come   quelli   del   Rotary   Club   di  Pesaro  che  non  ci  stanno  in  un  solo  supermercato  perché  sono  troppi;  la  Colletta  è   la  generosità  di  tutti  quelli  che  non  vogliono  apparire.     Storie   che   a   raccontarle   non   sembrano   vere,   ma   che   sono   successe   proprio   qui.   Come   quella   di   un   uomo   scettico   di   fronte   alla   proposta   di   donare   cibo,   ma   che   chiacchierando   si   convince.   Chiede   un   consiglio   per   fare   la   spesa   e   decide   di   spendere   una   cifra   consistente.   Passando   davanti   agli   alimenti   per   bambini   non   resiste  e  continua  a  riempire  il  carrello  così  che,  una  volta  arrivato  alla  cassa,  scopre   di  aver  speso  quasi  il  doppio.  La  volontaria  che  se  ne  accorge  tira  fuori  il  portafoglio   per   contribuire   al   disavanzo,   ma   lui   la   ferma   e   dice:   “Faccio   io!   Altrimenti   che   beneficenza   sarebbe?”.

Magazzino FanoLei   replica:   “Ma   lei   è   proprio   un   angelo!”   e   lui:   “Infatti,   mi   chiamo  proprio  così!”   Oppure  l’amico  musulmano  disoccupato  che  attendeva  con  ansia  di  tornare  a  fare  il   volontario   alla   Colletta.   Lo   attendeva   così   tanto   da   portare   un   amico,   disoccupato   anche  lui,  a  darsi  da  fare  tra  cibo  e  scatoloni.     O  ancora  la  nonnina  che  non  vede  bene  e  chiede  un  aiuto  per  scegliere  gli  alimenti:  il   volontario,   visti   gli   alti   prezzi,   si   fa   degli   scrupoli,   ma   lei   dice:   “Non   guardare   il   prezzo!  È  più  nutriente  un  omogenizzato  di  carne  o  di  verdura?”.

Ha  preso  così  vita  l’augurio  del  Banco  Alimentare:  “Nella  speranza  che  condividendo   il   bisogno   del   cibo   ognuno   possa   imparare   l’unico   atteggiamento   veramente   concreto   nei  confronti  degli  altri:  l’attenzione  e  l’amore  alla  persona  così  come  è”.     In   tanti   hanno   detto:   “Mi   dispiace   che   la   Colletta   Alimentare   si   faccia   solo   una   volta   all’anno!”   Infatti   non   è   così!   L’attività   del   Banco   Alimentare   prosegue,   12   mesi   su   12,   365   giorni   all’anno.   Con   Siticibo,   ad   esempio,   vengono   raccolte   dai   volontari   le   eccedenze  delle  mense  aziendali  che  vengono  ridistribuite  agli  enti  assistiti  nell’arco   della   stessa   giornata.   Tanti   alimenti   inoltre   sono   raccolti   durante   l’anno   scolastico   tramite   Donacibo,   una   Colletta   Alimentare   all’interno   della   scuola   tra   gli   studenti   e   le  loro  famiglie,  in  un’educazione  continua  ala  lotta  allo  spreco.     A   tutti   va   il   più   vivo   ringraziamento   della   Fondazione   Banco   Alimentare   Marche   Onlus  per  la  passione  e  la  gratuità  dimostrate  nel  giorno  della  Colletta  e  non  solo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>