Bufera sul direttore dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro: arrestato per corruzione

L'Agenzia delle Entrate di Pesaro (screenshot tratto da Google Maps)

L’Agenzia delle Entrate di Pesaro (screenshot tratto da Google Maps)

PESARO – Sgomento per l’arresto del direttore dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro. Su Elio Borrelli pende l’accusa infamante di corruzione. Le accuse contestate provengono dalla Procura di Venezia, la città lagunare dove lavorava prima dell’arrivo pesarese del 2015, ma i fatti contestati – riporta il Carlino di oggi – sarebbero avvenuti dopo il suo trasferimento. Secondo l’accusa – una costola dell’operazione Mose della Guardia di finanza di Venezia – il 63enne avrebbe continuato a gestire rapporti corruttivi con degli imprenditori di Jesolo.

Si parla di tangenti per 140mila euro ottenuti in più tranche, in cambio – è l’accusa – di un alleggerimento dell’80% delle imposte dovute da tre società venete riconducibili allo stesso imprenditore. Un’operazione messa in atto assieme a un collega in servizio a Venezia, essendo nel frattempo stato trasferito a Pesaro.

Elio Borrelli è stato immediatamente sospeso dalla direzione dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro, “pur nella speranza che possa dimostrare la propria innocenza”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>